10 ore, 2 incontri

D. Lgs. 231/2001 e MOGC
La responsabilità amministrativa ai sensi del D.Lgs. 231/2001:
profili normativi e costruzione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Destinatari

Avvocati – Dottori commercialisti ed esperti contabili - Consulenti aziendali – Magistrati – Imprese e loro Governances - Enti pubblici.

Obiettivi

Il decreto legislativo n. 231 del 2001 ha introdotto nel nostro ordinamento un’autonoma responsabilità di tipo
penale e/o amministrativo a carico delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni prive di
personalità giuridica, in conseguenza di specifiche violazioni della legge penale realizzate da soggetti appartenenti alla organizzazione aziendale.

Al fine di prevenire la commissione di reati e di evitare sanzioni di tipo interdittivo e patrimoniale, il suddetto decreto prevede che gli enti predispongano un modello di organizzazione, gestione e controllo (MOGC) che garantisca trasparenza e correttezza nei processi decisionali.

Il convegno si pone come un importante momento di confronto ed attraverso una trattazione pratica del tema si analizzeranno brevemente i profili normativi e quindi si illustreranno in modo critico ed analitico alcune check lists e questionari di verifica che l’Organismo di Vigilanza usa quali strumenti di controllo e monitoraggio dei processi aziendali in conformità agli articoli 5, 6 e 7 del decreto stesso.

L’esposizione fa riferimento al volume “Organismo di Vigilanza” - VI Edizione 2016 di Alberto Pesenato – Elisa Pesenato, ove è possibile rintracciare modelli pratici e risposte a domande e problematiche di quotidiana applicazione.

Programma

Il “Modello di gestione, organizzazione e controllo” ex D. Lgsl. 231/2001

  • Scopo, struttura e caratteristiche del “Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo”
  • I reati ed illeciti previsti - cenni
  • Risk Approach nelle su 3 componenti: as is analysis, Risk Assessment, Risk Managenìment
  • “Sources” e struttura del MOGC
  • Mappatura delle attività sensibili e dei processi strumentali e protocolli
  • Organismo di Vigilanza: riferimenti al“Codice di Autodisciplina” del Comitato per la Corporate Governance, alle Linee Guida di Confindustria e circolare GdF 83607/2012
  • Organismo di Vigilanza: regolamento, prerogative e compiti:
  • Esposizione di alcune check lists, riferite ai controlli applicabili agli organi di Governance
  • Esposizione di alcuni Questionari sul Controllo Interno che riguardano il controllo delle procedure e dei protocolli delle varie Unità Operative
  • I verbali dell’OdV
  • La relazione annuale

Docente

Dott. Alberto Pesenato

Orario

Da concordare secondo le necessità
Due incontri di 5 ore: 12:00 – 18:00
(Registrazione partecipanti 12:00)

Sede

(Da stabilire) 

Materiale didattico

I partecipanti riceveranno il materiale informativo che illustra la normativa vigente e l’eventuale evoluzione.
A coloro che si iscriveranno al Seminario verrà consegnata la dispensa del Seminario così strutturata:

  1.  Reati ed Illeciti
  2.  Confronto con il Global Compact
  3. La struttura del “Modello”
  4. “Specifici Protocolli” per parti terze pretesi dal decreto (art. 6. 2 b)


Ai partecipanti al Seminario verranno consegnati gli atti contenenti:

  1. Organismo di Vigilanza – Governance - check lists:
      -  CoSO Report I
      -  Esempi di circostanze che indicano la possibile esistenza di frodi
      -  condizioni ed eventi che possono indicare rischi di errori significativi
      -  Corretta amministrazione
     
  2. Organismo di Vigilanza - Unità Operative - estratto dei Questionari sul Controllo Interno:
      -  Ciclo acquisti
      -  Ciclo Consulenze e prestazioni professionali

Quota (indicativa) di partecipazione

€ 250,00 + IVA 22% = € 305,00

Si raccomanda ai partecipanti di dotarsi della stampa del materiale.

Inizio pagina  ●